Discobolus.

Marble. Roman copy of a bronze Greek original by Myron (c. 460 BCE).
Inv. No. 2349.

Rome, Vatican Museums, Pius-Clementine Museum, Room of the Biga, 21
(Musei Vaticani, Museo Pio-Clementino)

Origin:
Tivoli, Hadrian’s villa.
Description:
Italiano SBi 21. Statua di discobolo (copia da Mirone) con testa moderna (fig. 11).

Venne trovata nel 1791 a Villa Fede (scavi del Cardinale Mario Marefoschi), nell’area di Villa Adriana a Tivoli, e venduta l’anno successivo ai Musei da Giovanni Maria Cassini; lo stesso anno fu restaurata da Carlo Albacini. Nel 1797 fu trasferita a Parigi in seguito alle confische francesi, ritornando nel 1815. La testa, il braccio sinistro e parte del destro e la gamba destra (da sotto il ginocchio) sono frutto delle integrazioni dell’Albacini, con abrasioni artificiali per antichizzare le parti inserite; anche l’iscrizione greca — Μύρων ἐποίει («Mirone fece») — sul tronchetto sotto lo strigile è moderna. Il discobolo è qui colto nel momento di massima torsione prima di scagliare il disco: il movimento rotatorio produce nella muscolatura e nei tendini uno stato di forte tensione, pur bloccato in un attimo di stasi. Nell’originale capolavoro in bronzo della maturità dello stile severo — noto da più di 20 copie (alcune molto frammentarie) — la testa era ruotata all’indietro, con lo sguardo verso il disco. Nell’opera — grazie alla presenza del nome Hyakinthos accanto alla raffigurazione di un simile discobolo su di una gemma — taluni hanno ritenuto di dover identificare Giacinto, il mitico giovane amato da Apollo e dal dio ucciso involontariamente con un disco; più accreditata sembra però la teoria che vuole vedervi un atleta vincitore, forse ateniese, celebrato in un santuario della città. Il discobolo — del tipo «Lancellotti», dalla replica più nota — risulta essere una copia, della prima metà del II sec. d.C., del celebre originale greco dello scultore Mirone, scolpito verso il 450 a.C.

Inv. 2346; L III 2 p. 88 n° 618 e p. 536 tav. 44; S. Aurigemma, Villa Adriana, Roma 1961, fig. 198; S. Howard, in JWCI, 25, 1962, p. 333; H 503; S. Howard, The Lansdowne Herakles, Malibu 1966, p. 20; Pietrangeli 1985 pp. 96, 103-104, 107, 110, 115; Raeder p. 38, p. 108 n° I 127 e p. 222; A. Giuliano, in Scritti in onore di Giuliano Briganti, Milano 1990, passim; E. Bartman, Ancient Sculptural Copies in Miniature, Leiden-New York-Köln 1992, p. 75 nota 84; F. Rausa, L’immagine del vincitore. L’atleta nella statuaria greca dall’età arcaica all’ellenismo, Treviso-Roma 1994, pp. 174-175; Giubilei p. 119 n° 35; F. Rausa, in MNR, I/12, p. 23 s. n° S23. Cfr. D. Candilio, E. Paribeni, in MNR, I/1, nn. 117 e 120.

Credits:
© 2014. Photo: Ilya Shurygin.
Data: museum annotation.
© 2004. Text of description: Giandomenico Spinola. Guide cataloghi Musei Vaticani, 5. Il Museo Pio Clementino, 3. Città del Vaticano, Roma, 2004, pp. 67—68, cat. no. SBi 21.
RUSSIAN

comment

You can mark the fragmens interesting for you and they will be accessible by the unique link in the address bar of the browser.

THE GALLERY OF ANCIENT ART
Keywords: statue of a discobolus throwing the discus marble by Myron statue of ephebe athlete sport sportsman youth discobolos discobolus discus-thrower discus throw throwing villa Adriana Hadrian villa Tivoli Inv No 2349 SBi 21
HISTORY OF ANCIENT ROME