Mosaic emblema with bucolic landscape
30—20 BCE. Rome, Vatican Museums, Pius-Clementine Museum, Cabinet of Masks, 6Inv. No. 45762.

Mosaic emblema with bucolic landscape.

30—20 BCE.
Inv. No. 45762.

Rome, Vatican Museums, Pius-Clementine Museum, Cabinet of Masks, 6
(Musei Vaticani, Museo Pio-Clementino, Gabinetto delle maschere, 6)

Origin:
Tivoli, Villa of Hadrian, 1779.
Description:
Italiano Nel Gabinetto delle Maschere:

6. Mosaico “delle Maschere” (fig. 24 e copertina)

Il mosaico con quattro maschere teatrali venne rinvenuto negli scavi del Cardinale Mario Marefoschi a Villa Adriana nel 1779 (nell’area di Villa Fede?); nel 1781 il Conte Felice Centini, erede dei Conti Fede, lo vendette ai Musei. Gli altri «tre mosaici, antichi frammentati di pm. 3A in quadro, il primo de’ quali rappresenta un paese con un idolo di terra cotta e capre, il secondo una tigre e il tirso simbolo di Bacco, e il terzo la lira e il grifo attributi di Apolline» — anch’essi provenienti dal c. d. Palazzo Imperiale di Villa Adriana (1779) — furono acquistati o, quantomeno, restaurati da Andrea Volpini nel 1782. Il montaggio nell’attuale forma venne concepito nel 1791 da Giovanni Camporese: i quattro quadri vennero incorniciati da un bel fregio a tralci di vite (con teste del vento Boreas soffiante, riferite allo stemma di Pio VI) ed il tutto venne delimitato da una bordura con festone vegetale su fondo rosso scuro, preso da quello che originariamente decorava il solo mosaico con le quattro maschere. Questo — il più conservato — presenta dei riferimenti alla Commedia: tre maschere sono su di un ripiano ed una quarta su di una piccola base, con accanto dei mantelli, un kantharos ed una cetra. Altri due quadri recano anch’essi delle maschere e, questa volta, il tema delle rappresentazioni è richiamato dalla presenza di attributi relativi a Dioniso e ad Apollo. La quarta scena è di tipo bucolico, con una divinità agreste seduta presso una fonte, con capre e pecore; altri mosaici di quest’ultima serie sono nella Sala degli Animali (SA 138 e 152; Pio Clementino 1, pp. 171-172 e 177; cfr. anche l’appendice in fondo al presente testo) ed a Berlino. Questo tipo di quadri — gli “emblemata", realizzati con tessere minute — erano di qualità maggiore del resto delle pavimentazioni musive e vennero concepiti per esser montati a parte (spesso erano realizzati su mattoni o altro supporto indipendente). Di conseguenza la differenza cronologica tra gli “emblemata” — quelli con le maschere datati al 60-50 a. C. e quello bucolico al 30-20 a. C. — ed il resto della pavimentazione di quel settore di Villa Adriana — edificato verso il 118-125 d. C. — si spiega con il loro reimpiego da parte delle maestranze adrianee, presumibilmente dopo averli accuratamente “staccati” da differenti pavimenti di ville (di età tardorepubblicana) nei pressi; resti di pavimentazioni (di una villa) di età repubblicana sono del resto presenti proprio in quell’area.

Inv. 45762;
W. Amelung, Die Sculpturen des Vatikanischen Museums, II, Berlin 1908, pp. 725-727;
B. Nogara, I mosaici antichi conservati nei palazzi pontifici del Vaticano e del Laterano, Milano 1910, pp. 19-20 tavv. 28-33;
K. Parlasca, in RM, 65, 1958, pp. 170-171 e 185;
W. Helbig, Führer durch die öffentlichen Sammlungen klassischer Altertümer in Rom, I, (4a ed.), Tübingen 1963, 203;
J. Raeder, Die statuarische Ausstattung der Villa Hadriana bei Tivoli, Frankfurt-Bern 1983, p. 295 nota 504;
C. Pietrangeli, La provenienza delle sculture dei Musei Vaticani, in Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie, IX, 1, 1989, p. 128 n° 6;
M. Donderer, in AA, 1990, p. 157;
Id., in RM, 98, 1991, p. 197;
M. De Franceschini, Villa Adriana. Mosaici, pavimenti, edifìci, Roma 1991, p. 121-125 nn. 1-8, pp. 407-410 e 414 tavv. 8-15;
B. Palma Venetucci (ed.), Le erme tiburtine e gli scavi del Settecento, I. 2, Roma 1992, p. 292 nota 10;
K. E. Werner, Mosaiken aus Rom: Polychrome Mosaikpavimente und Emblemata aus Rom und Umgebung, Würzburg 1994, pp. 108-115 n° K43, b, c, d, pp. 116-118 n° K44;
A. Giubilei, Il Conte Fede e la Villa Adriana: storia di una collezione d’arte, in «Atti e Memorie» della Società Tiburtina di Storia e d’Arte, LXVIII, 1995, p. 117 n° 30;
G. Spinola, Il Museo Pio Clementino. 1, Città del Vaticano 1996, pp. 171-172 n° 138 e p. 177 n° 152;
K. E. Werner, Die Sammlung antiker Mosaiken in den Vatikanischen Museen, Città del Vaticano 1998, pp. 112-141.

G. Spinola
Guide cataloghi Musei Vaticani (1999)

Mosaici del Gabinetto delle Maschere e della Sala degli Animali

Pagine 23—29

Museo Pio-Clementino
Gabinetto delle Maschere, inv. 45762;
m 2,40 × 2,40 (il pavimento musivo completo) e cm 54 × 54 (i singoli emblemata).
Sala degli Animali, invv. 421 e 423; cm 52 × 62 (ognuno dei due emblemata).
Vennero trovati negli scavi del cardinale Mario Marefoschi nel 1779 a Villa Adriana, presso Tivoli; erano montati nel pavimento della Basilica (il cosiddetto Palazzo Imperiale), tre in prossimità dell’abside e tre verso il vestibolo.
Sono di età tardorepubblicana i tre mosaici con maschere e della prima età augustea i tre mosaici con scene bucoliche; provengono presumibilmente da una villa di età repubblicana nell’area e vennero tutti reimpiegati a Villa Adriana. Il mosaico del Gabinetto delle Maschere fu assemblato e completato, negli anni 1781-91, da Andrea Volpini, mentre i due emblemata della Sala degli Animali vennero restaurati e integrati (fra il 1843 e il 1864) da Michelangelo Barberi.

Bibl.:
B. Nogara, I mosaici antichi conservati nei palazzi pontifici del Vaticano e del Laterano, Milano 1910, pp. 16-17 e 19-20, hg. 5, tavv. 28-34;
K. E. Werner, Die Sammlung antiker Mosaiken in den Vatikanischen Museen, Città del Vaticano 1998, pp. 112-127.

Pavimento del Gabinetto delle Maschere e particolari

Pagine 23, 24-27

Andrea Volpini, uno dei mosaicisti di fiducia del Pontefice, rimontò i quattro emblemata ritrovati a Villa Adriana — tre con maschere e uno con scena bucolica — in un elegantissimo tappeto musivo. Questo prevedeva i quattro quadri antichi disposti simmetricamente e contornati da un prezioso tralcio di vite; nelle sinuose volute dei viticci sono inseriti gigli, stelle e teste soffianti del Vento Boreas, emblemi dello stemma di Pio VI Braschi. Il tutto è incorniciato da una raffinata bordura rossastra, ornata da rami di quercia annodati fra loro agli angoli del tappeto, in parte antica e forse proveniente dalle cornici dei mosaici con le maschere. Altri due emblemata della serie con paesaggi agresti non furono invece utilizzati per questa pavimentazione, oltretutto essendo pervenuti in un secondo momento (attraverso la collezione del conte Fede, durante il pontificato di Pio IX), e vennero collocati sulle pareti della Sala degli Animali.

Emblema musivo con paesaggio bucolico

Pagina 27

Il pannello — pur non pertinente alla serie degli emblemata con le maschere — venne scelto dal Volpini per esser montato con gli altri tre nel pavimento del Gabinetto delle Maschere. Su di esso è raffigurato un santuario di campagna, in un contesto idillico-agreste composto di uno specchio d’acqua fra rocce e un ameno boschetto. In questo sereno ambiente pastorale pascolano alcune pecore e capre, di fronte a un altare inghirlandato con sopra le offerte e appoggiate una torcia e della legna da ardere; poco dietro, al limitare del bosco, è la statua di una divinità femminile — seduta, con asta in mano e cinta da una corona vegetale — con alle spalle un pilastrino su cui sono appoggiati uno scudo e una lancia, e il tetto di una struttura rurale. La parte centrale — con la dea seduta, l’altare e le due capre più vicine — è originale e il resto è stato integrato con fantasia, ma anche una certa coerenza, dal Barberi. Il quadro riporta a una serena ambientazione bucolica di derivazione ellenistica, ma assai cara al mondo romano, che trovava nell’armonia della Natura le basi per l’elevazione spirituale umana.

P. Liverani, G. Spinola
I mosaici antichi. Musei Vaticani (2002)
Credits:
© 2002. Photo, description (2): Danzi G., Buranelli F. Vaticano. T. I. I mosaici antichi. Musei Vaticani / Texti di P. Liverani, G. Spinola. Franco Maria Ricci, Milano, 2002, p. 27 (photo), 103—104 (description).
© Photo: Archivio Fotografico dei Musei Vaticani.
© 1999. Description (1): G. Spinola. Guide cataloghi Musei Vaticani, 4. Il Museo Pio Clementino, 2. Città del Vaticano, Roma, 1999, pp. 152-154, cat. no. GM 6.
Keywords: μωσαϊκό mosaic mosaics mosaica mosaici mosaik mosaïque ρώμη rome roman roma romano rom römisches rome romaine altar altare autel ara βωμός sacrifice sacrificio opfer oblatio sacrificium θυσία garland garlands ghirlanda ghirlandi girlande guirlande serta γιρλάντα tivoli the hadrians villa adriana hadriansvilla villa hadriana έπαυλη του αδριανού tree albero baum arbre δέντρο spear lancia speer lance hasta δόρυ round circular shield scudo rotondo rundschild bouclier rond tile roof tiling tegola tetto di tegole dachziege ziegeldach tuile toit de tuiles κεραμίδι κεραμοσκεπή rural pastoral bucolic landscape paesaggio pastorale bucolico rurale ländliche landschaft paysage bucolique ποιμενικό αγροτικό βουκολικό τοπίο torch torcia fackel torche flambeau δαυλός emblema emblem emblemata mosaic emblem with bucolic landscape emblema musivo con paesaggio bucolico country village sanctuary santuario di campagna water pond acqua rocks rock roccia rocce grove boschetto sheep sheeps pecora pecore goat goats capra capre log firewood legna da ardere ceppo sitting statue of a female deity statua seduta di una divinità femminile dea vegetable wreath corona vegetale andrea volpini barberi gm 6 inv no 45762
History of Ancient Rome