Eastern part of Necropolis outside the Nucerian gate (South side of Via delle Tombe).

54—79 CE.

Pompeii
(Pompei)

Origin:
Excavations of 1954—1956.
Description:
Italiano 9, 11. Due tombe gemelle con semplice facciata a timpano triangolare e recinto alle spalle. Una delle tombe appartiene ad Aulus Veius Atticus, un augustale, come risulta dall’iscrizione al centro del frontone. Egli dovette occupare tale carica nel 56-57 d.C. Sull’altra tomba, sulle pareti stuccate vi sono alcune iscrizioni rubricate: C. Munatius Faustus augustal(is) et pagan(us) d(ecreto) d(ecurionum) sibi et Naevoleiae Tyche coniugi («Caius Munatius Faustus augustale e magister pagi, per decreto dei decurioni, per sé e per la moglie Naevoleia Tyche»). A Munatius Faustus fu concesso anche il bisellium (posto d’onore ai teatri), un’onorificenza concessa dai decurioni a uomini che avevano avuto particolari meriti nei riguardi della città. Sembra strano, ma sia lui che la moglie avevano un’altra e più lussuosa tomba fuori Porta di Ercolano, un cenotafio a forma di altare riccamente decorato. Tuttavia essi erano sepolti qui, a Porta Nuceria, perché nel recinto è stato trovato un cippo funerario con il nome di Munatius Faustus. Gli augustali, nella maggior parte dei casi ricchi liberti che con questa nomina, imperiale, entravano a far parte di una classe intermedia tra l’ordo decurionum e la plebs, erano spesso seppelliti a spese pubbliche, come nel caso, appunto, di Munatius Faustus. Le due tombe sono di tarda epoca neroniana.

15. Tomba con porta centrale in facciata avente stipiti in travertino, e due nicchie laterali affiancate da semicolonne. Le nicchie poggiano su un alto zoccolo. L’iscrizione al disopra dell’architrave ricorda che la tomba appartiene a Lucius Barbidius Communis, liberto di Lucius, magister del pago Augusto Felice Subuirbano, e alla moglie Pithia Rufilla, liberta di Publius. La tomba era stata costruita a spese di Vitalis e Ianuarius, a loro volta liberti di Lucius Barbidius. La costruzione è in opera laterizia con uso di abbondante malta. Tardo neroniana o flavia.

17. Tomba quadrangolare in laterizio con colonne angolari corinzie. Porta centrale con stipiti in marmo inserita in un arco. Al disopra dell’architrave è una cornice in laterizio sorretta da piccole mensole; sopra di essa è un tamburo circolare in opera reticolata. La tomba è di Caius Cuspius Cyrus, liberto di Caius, magister del pago Augusto Felice Suburbano, della moglie Vesuia Iucunda, e di Caius Cuspius Salvius, liberto di Caius, anch’egli magister del pago Augusto Felice Suburbano. I due uomini erano forse liberti dei Cuspii Pansae, una delle famiglie più ricche e potenti di Pompei in epoca neronianoflavia. A questo periodo risale la tomba.

19. Tomba con facciata stuccata e dipinta. Essa è divisa in zone da quattro semicolonne baccellate con capitelli corinzi. L’apertura centrale presenta un timpano. Ai lati, invece, ci sono archeggiature cieche con scene di giardino. L’architrave presenta una decorazione a girali. Al disopra dell’architrave è un’altra fascia con ai lati timpani triangolari in stucco. Flavia.

Credits:
(ññ) 2006. Photo: Sergey Sosnovskiy (CC BY-SA 4.0).
© 2002. Text of description: La Rocca E., de Vos M., de Vos A. Pompei. Mondadori, Milano, 2002, pp. 270—272.

comment

comment

comment
THE GALLERY OF ANCIENT ART
Keywords: Pompeii Necropolis outside the Nucerian gate Porta Nuceria Nocera sepulchre Tomb Aulus Veius Atticus Caius Munatius Faustus Naevoleia Tyche Lucius Barbidius Communis Pithia Rufilla Caius Cuspius Cyrus Caius Cuspius Salvius Vesuia Iucunda libertus liberta freedman freedwoman augustalis magister pagi paganus arch brick brickwork 5 ES5 5ES 7 ES7 7ES 9 ES9 9ES 11 ES11 11ES 13 ES13 13ES 15 ES15 15ES 17 ES17 17ES 19 ES19 19ES
HISTORY OF ANCIENT ROME