Mosaic emblema with a lion attacking a bull
118—125 CE.
52 × 62 cm.
Rome, Vatican Museums, Pius-Clementine Museum, Room of the Animals, 138Inv. No. 421.

Mosaic emblema with a lion attacking a bull.

118—125 CE.
52 × 62 cm.
Inv. No. 421.

Rome, Vatican Museums, Pius-Clementine Museum, Room of the Animals, 138
(Musei Vaticani, Museo Pio-Clementino, Sale degli animali, 138)

Origin:
Tivoli, Villa of Hadrian, 1779, then the mosaic passed to Count Fede and acquired by Pius IX (1846—1878).
Description:
Italiano Sala degli Animali:

138. Mosaico policromo con un leone che assale un toro

Rinvenuto a Villa Adriana (la prima menzione è del 1779 da parte del Piranesi), poi passò al conte Fede e fu acquistato da Pio IX (1846—1878). Si tratta di uno dei sei riquadri di un tappeto musivo del c. d. “Palazzo Imperiale” di Villa Adriana; gli altri cinque pannelli con scene idillico-sacrali sono: uno nella stessa Sala degli Animali (152; inv. 423), tre nel pavimento del Gabinetto delle Maschere ed uno al Pergamonmuseum di Berlino. La scena — che contrasta il tema idilliaco delle altre — si svolge in un paesaggio roccioso con pochi alberi, ove un toro è assalito da un grande leone sotto gli occhi di una giovenca bianca. Alcune parti e alcuni dettagli (come la ferita sanguinante) sembrano aggiunti o rifatti modernamente.

Inv. 421;
W. Amelung, Die Sculpturen des Vatikanischen Museums, II, Berlin 1908, p. 337 n° 125a tav. 33;
W. Helbig, Führer durch die öffentlichen Sammlungen klassischer Altertümer in Rom, I, (4a ed.), Tübingen 1963, 106;
T. Kraus, Das römischen Weltreich, Berlin 1967, p. 268 n° XIX;
J. M. C. Toynbee, Animals in Roman Life and Art, London 1973, p. 357 nota 53 e pp. 376—377 nota 29;
J. Raeder, Die statuarische Ausstattung der Villa Hadriana bei Tivoli, Frankfurt-Bern 1983, p. 295;
C. Pietrangeli, La provenienza delle sculture dei Musei Vaticani, II, in Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie, VIII, 1988, p. 193;
K. E. Werner, Mosaiken aus Rom: Polychrome Mosaikpavimente und Emblemata aus Rom und Umgebung, Würzburg 1994, pp. 108—115 (pannello F).

G. Spinola
Guide cataloghi Musei Vaticani (1996)

Mosaici del Gabinetto delle Maschere e della Sala degli Animali

Pagine 23—29

Museo Pio-Clementino
Gabinetto delle Maschere, inv. 45762;
m 2,40 × 2,40 (il pavimento musivo completo) e cm 54 × 54 (i singoli emblemata).
Sala degli Animali, invv. 421 e 423; cm 52 × 62 (ognuno dei due emblemata).

Vennero trovati negli scavi del cardinale Mario Marefoschi nel 1779 a Villa Adriana, presso Tivoli; erano montati nel pavimento della Basilica (il cosiddetto Palazzo Imperiale), tre in prossimità dell’abside e tre verso il vestibolo.

Sono di età tardorepubblicana i tre mosaici con maschere e della prima età augustea i tre mosaici con scene bucoliche; provengono presumibilmente da una villa di età repubblicana nell’area e vennero tutti reimpiegati a Villa Adriana. Il mosaico del Gabinetto delle Maschere fu assemblato e completato, negli anni 1781-91, da Andrea Volpini, mentre i due emblemata della Sala degli Animali vennero restaurati e integrati (fra il 1843 e il 1864) da Michelangelo Barberi.

Bibl.:
B. Nogara, I mosaici antichi conservati nei palazzi pontifici del Vaticano e del Laterano, Milano 1910, pp. 16-17 e 19-20, hg. 5, tavv. 28-34;
K. E. Werner, Die Sammlung antiker Mosaiken in den Vatikanischen Museen, Città del Vaticano 1998, pp. 112-127.

Sala degli Animali.
Emblemata musivi con paesaggio bucolico

Pagine 29

Il mosaico raffigura un paesaggio in cui si svolge una dinamica scena di caccia, assai lontana dai toni idillici degli emblemata precedenti. Sulle sponde di un laghetto circondato da rocce un leone ha assalito un toro: i suoi artigli bloccano la preda e le sue fauci già la dilaniano; il toro cerca di divincolarsi ma sembra in procinto di soccombere e dalle ferite sgorga ormai copioso il sangue. In secondo piano una vacca fissa la scena; essa è in acqua, ma si accinge al movimento, probabilmente dettato dal terrificante episodio che le si para davanti. Anche in questo caso gli interventi del Barberi alterano l’originalità dell’opera, inserendovi alcuni elementi che tuttavia contribuiscono ad armonizzare i vari brani del soggetto e a ottenere così una gradevole e coerente lettura della scena.

P. Liverani, G. Spinola
I mosaici antichi. Musei Vaticani (2002)
Credits:
© 2002. Photo, description (2): Danzi G., Buranelli F. Vaticano. T. I. I mosaici antichi. Musei Vaticani / Texti di P. Liverani, G. Spinola. Franco Maria Ricci, Milano, 2002, p. 29 (photo), 103—104 (description).
© Photo: Archivio Fotografico dei Musei Vaticani.
© 1996. Description (1): G. Spinola. Guide cataloghi Musei Vaticani, 3. Il Museo Pio Clementino, 1. Città del Vaticano, Roma, 1996, pp. 171—172, cat. no. SA 138.
Keywords: μωσαϊκό mosaic mosaics mosaica mosaici mosaik mosaïque ρώμη rome roman roma romano rom römisches rome romaine lion leone löwe leo λιοντάρι tivoli the hadrians villa adriana hadriansvilla villa hadriana έπαυλη του αδριανού tree albero baum arbre δέντρο blood sangue blut sang αίμα bull toro stier taureau taurus βόδι ταύρος cow mucca giovenca vacca kuh vache vitula αγελάδα rock roccia rupe felsen rocher βράχος water acqua wasser eau aqua νερό barberi assaulting attacking assale angreift attaquant επιτίθεται emblem emblema musivo mosaik-emblem emblème de la emblema emblemata έμβλημα sa 138 inv no 421
History of Ancient Rome